Auto elettriche, nonostante il coronavirus +110% di immatricolazioni in Europa

Nel primo trimestre di quest’anno, caratterizzato da un forte calo delle vendite per l’emergenza da Covid-19, c’è stata invece una crescita della quota di auto elettriche in Europa, arrivate fino al 6,8% rispetto al 2,5% dello stesso periodo del 2019, secondo i dati di Acea, l’associazione dei costruttori.

Di fatto le elettrificate hanno raddoppiato le vendite, +110,7% per un totale di 167.123 unità immatricolate, approfittando del calo della domanda sopratutto dei diesel, ma anche dei benzina.

La crescita ha coinvolto sia i modelli a batteria, +68,4%, che quelli ricaricabili plug-in hybrid, +161,7%. Da segnalare che gli ibridi si confermano ancora la scelta più richiesta fra le alimentazioni alternative con una quota del 9,4% pari a 232.525 unità immatricolate nel primo trimestre 2020 per una crescita del 45,1% rispetto al trimestre 2019. In tutti i quattro principali mercati europei si è registrato un aumento di immatricolazioni elettriche, in particolare però si sono distinte la Germania col 74,9% e la Francia col 71,7% di unità aggiuntive di ricaricabili. In terza posizione l’Olanda con 8.699 unità lo 0,8% in più rispetto al 2019 quando erano state 8,626 unità. Quarta assoluta è la Svezia che ha totalizzato 5,638 unità vedute il 37,8% in più rispetto alle 4.091 del 2019 che precede di poco l’Italia con 5.399 unità vendute, ma con una crescita molto più significativa del 355,2% rispetto alle 1.186 unità del 2019.

Interessante anche la classifica per Paese delle vendite di auto ibride plug-in che vede sempre in testa sempre la Germania con 26.419 unità vendute il 257,9% in più dell’anno scorso seguita dalla Svezia con 12.835 unità il 123,4% in più e dalla Francia con 9.423 unità il 139,5% in più. Quarto il Belgio con 4.806 unità il 139,5% in più, seguito dalla Finlandia con 3.642 unità il 172,6% in più, dalla Spagna con 3.306 unità il 91,1% in più, dall’Olanda con 3.272 unità il 90,5% in più e dall’Italia con 2.951 unità il 173,2% in più. Seguono l’Austria con 1.189 unità il 146,2% in più e la Polonia con 691 unità il 211,3% in più. Il totale delle immatricolazioni di plug-in hybrid nel primo trimestre del 2020 nei Paesi dell’area è stato di 75.376 unità pari al 161,7% in più rispetto alle 28.803 unità vendute nella stesso periodo dell’anno scorso.