Innolith, presto una batteria non infiammabile da 1000km con una ricarica

La startup di tecnologia energetica svizzera Innolith AG ha annunciato che sta sviluppando la prima batteria ricaricabile da 1000 Wh/kg al mondo.

In fase di sviluppo nel laboratorio tedesco dell’azienda, la nuova Innolith Energy Battery sarebbe in grado di alimentare un veicolo elettrico per oltre 1000 km con una singola carica. L’Innolith Energy Battery ridurrebbe anche radicalmente i costi grazie all’elusione di materiali esotici e costosi combinati con l’altissima densità di energia del sistema.

Oltre alla gamma e ai vantaggi in termini di costi, Innolith Energy Battery sarà la prima batteria al litio non infiammabile da utilizzare nei veicoli elettrici. La batteria Innolith utilizza un’elettrolita inorganico non infiammabile, a differenza delle batterie EV tradizionali che utilizzano un elettrolita organico infiammabile. Il passaggio a batterie non infiammabili rimuove la causa principale degli incendi delle batterie che hanno colpito i produttori di veicoli elettrici.

“La rivoluzione EV è attualmente ostacolata dai limiti delle batterie disponibili”, spiega Sergey Buchin, CEO di Innolith AG. “I consumatori vogliono una gamma adeguata con una singola carica in un EV conveniente e la certezza che non si infiammerà. Innolith Energy Battery è la tecnologia rivoluzionaria che potenzialmente può soddisfare tutte queste esigenze. ”

Innolith introdurrà la Energy Battery sul mercato attraverso una produzione pilota iniziale in Germania, seguita da partnership di licenza con le principali aziende produttrici di batterie e automobili. Lo sviluppo e la commercializzazione della Innolith Energy Battery dovrebbero durare da tre a cinque anni.

Innolith ha utilizzato un innovativo approccio di conversione nella chimica della sua batteria di energia per generare l’alta densità di energia visibile in ogni cella. I materiali di reazione di conversione offrono un nuovo e promettente percorso verso celle di batteria ad alta densità energetica, in quanto superano le scarse prestazioni dei materiali tradizionali basati sull’intercalazione. Questo nuovo approccio consentirà alle batterie di raggiungere valori di contenuto energetico a livello cellulare che non sono mai stati possibili prima.

“Questa nuova svolta è stata resa possibile da anni di ricerca dedicata su tutti gli aspetti degli elettroliti inorganici e sulla loro applicazione alle batterie ricaricabili”, commenta il Presidente di Innolith, Alan Greenshields. “In poche parole, l’esperienza acquisita nel costruire batterie ad alta potenza con eccezionale robustezza e durata del ciclo ha dimostrato di essere la base giusta per la costruzione di prodotti ad alta energia. L’assenza di materiali organici, un aspetto chiave della tecnologia delle batterie di Innolith, rimuove la fonte critica di rischio per la sicurezza e l’instabilità chimica delle batterie ad alta energia. Tutto è andato a buon fine nel 2018 da una prospettiva di ricerca e sviluppo, con diverse scoperte straordinarie. ”

Innolith ha brevetti in attesa di invenzioni chiave della batteria di energia e sta anche mantenendo la riservatezza commerciale sul meccanismo di chimica delle cellule. In base a tutti gli accordi di licenza per Energy Battery, Innolith manterrà il controllo di tutte le forniture di specialità chimiche al fine di proteggere la sua proprietà intellettuale.

Innolith ha già dimostrato il carattere rivoluzionario delle batterie ricaricabili inorganiche non infiammabili con il suo primo prodotto, una batteria di alimentazione a scala di griglia che viene utilizzata oggi nella rete PJM negli Stati Uniti per fornire servizi di regolazione a frequenza veloce. La chimica utilizzata in questa batteria ha dimostrato di funzionare per oltre 55.000 cicli di scarica a piena profondità, ovvero tra 10 e 100 volte il numero massimo di cicli di batterie agli ioni di litio attualmente in uso.